Il Design Made in Sicily targato Di Stefano approda al Fuori Salone di Milano

Il Design Made in Sicily targato Di Stefano approda al Fuori Salone di Milano

Forti del successo della scorsa campagna natalizia, la latta di Alice Valenti e il piatto di Andrea Branciforti saranno presenti al Fuori Salone 2019 di Milano dal 9 al 14 aprile.

Le loro Special Christmas Limited Edition raffigurano i miti e le storie della tradizione siciliana in chiave moderna, in un’interpretazione assolutamente originale.

Durante uno dei talk della rassegna FOODSS Food Design System Sicilia organizzata da Designland, progetto territoriale frutto della collaborazione tra ADI Sicilia, l’Osservatorio permanente dell’Adi Index e l’associazione Design al Centro, di cui l’Azienda è partner, il direttore commerciale Carmelo Zagarrì e la trade marketing specialist Fabiana Principato racconteranno l’importanza che la Di Stefano riconosce al “buono” e al “bello”. Il “buono” che ritroviamo nelle ricettazioni semplici ed essenziali realizzate con materie prime di alta qualità, e il “bello” che viene proposto nella scelta dei pack, unici e distintivi, caratterizzati da una brand image evocativa della Sicilia, e nelle sinergie con artisti e designer siciliani su cui l’Azienda crede e investe molto.

Cosa unisce l’arte pasticcera della Di Stefano ai lavori di arte visiva e di design di giovani professionisti siciliani, come Valenti e Branciforti? La capacità di dare forma alle idee attraverso una sapiente conoscenza delle materie e delle tecniche, l’amore per la Sicilia di cui viene esaltata l’essenza evitando di cavalcare le stereotipate immagini folkloristiche cui spesso viene associata.

La piena adesione all’identità Sicilia è un valore forte, che imprimiamo al nostro lavoro quotidiano.
Le collaborazioni con artisti e creativi locali ne sono il frutto più rappresentativo: una sinergia operativa che ci appassiona ed entusiasma così tanto che siamo all’opera per le nuove creazioni.
Anche il prossimo Natale 2019 sarà dunque “irresistibilmente Siciliano”.

Lascia una risposta